Finaliste Profit 2020

STAR AL TUO FIANCO

AGENZIA: VMLY&R Italia e Spagna

La cucina, la preparazione e la condivisione di cibi sono i protagonista indiscussi dello spot. Il concept alla base è quella di entrare nelle case degli italiani; tale idea è sottolineata dall’immagine di apertura: una mano che sposta una persiana aprendo la vista a un paesaggio sul quale compare la scritta «Star in famiglia», dopo la quale la prospettiva di visione diventa quella interna all’abitazione.
L’idea creativa è di VMLY&R Italia e Spagna, è prodotto da Akita con la regia di I Cric.

INSIEME PER PROTEGGERCI

AGENZIA: Publicis Italia

Anche nello spot AXA realizzato durante il coronavirus, sono presenti scene che rimandano a quelle vissute da tanti italiani in questo periodo. Lo spot si apre con il guardare fuori da una finestra – chiara metafora di un aprirsi verso il mondo e verso il futuro – e quello che seguiamo è lo sguardo di un bambino – ad accentuare maggiormente una speranza verso il futuro – che osserva il mondo fatto di strade vuote, persone che indossano la mascherina o che fanno altre attività che ci sono diventate familiari durante il COVID-19, come, ad esempio, suonare fuori dai balconi.

GOOD MORNING HUMANITY

AGENZIA: Armando Testa

Il monologo finale di Charlie Chaplin ne il Grande Dittatore, è stato scelto da Lavazza per accompagnare il suo spot durante la crisi del 2020. A queste parole si affida il buongiorno di una “nuova umanità” che fa del progresso, della sostenibilità e della tolleranza le basi sulle quali fondare il nostro prossimo rinascimento.
Un approccio creativo di grande impatto e un linguaggio contemporaneo che interpreta e promuove i valori universali.  Lavazza prende posizione e decide di andare oltre il ruolo affidato alla comunicazione di marca, facendosi portavoce di un appello potente a favore del risveglio della sensibilità individuale. La campagna è accompagnata dalle note di “Rain, in your black eyes” del musicista Ezio Bosso.

RIPARTIAMO DA CASA

AGENZIA: DDB Group Italy

Ikea ripercorre i due mesi in cui tutto il Paese si è fermato, ha trattenuto il respiro e ha riscoperto la vita in casa. Lo ha fatto nel primo giorno in cui l’Italia ha voltato pagina e si è avviata ad affrontare “la Fase 2” ripartendo da casa, il luogo d’elezione di questa azienda e della sua mission. L’idea è quella di dare voce proprio a quel mondo in pausa, fuori, ma pieno di vita dentro. Una vita che non solo è andata avanti, ma che anzi ci ha visti cambiare, e ci ha fatto trovare, nelle limitazioni imposte, nuovi modi di stare vicini e di esprimere i nostri sentimenti. Ne viene fuori un racconto per immagini di un minuto in cui tutti si ritrovano, dove le case, che ci hanno custodito durante l’isolamento si preparavano a ripartire.

 

Finaliste Non Profit 2020

ANGELO LIBRI

BASTA UN MERCATINO

Il mondo del volontariato si è caricato sulle spalle anche l’enorme responsabilità di agire per arginare i vari aspetti legati all’emergenza sanitaria. Il volontariato, come spiegato nel simpatico spot, è una malattia, ed è pure (fortunatamente) contagiosa! Un uomo va dal dottore perché si è ritrovato strane macchie su tutto il corpo e gli strani sintomi portano a una diagnosi tanto esilarante quanto “veritiera”. Il corto che è interpretato da Ricky Memphis oltre che da Angelo Libri che lo ha scritto e diretto.

LE COSE CHE NON CI HANNO DETTO SULLA QUARANTENA

AGENZIA: The Jackal 

Il nuovo video di ActionAid e i The Jackal ci ricorda «che abbiamo fatto qualcosa di positivo durante un periodo negativo». Nel mare magnum di notizie negative che hanno inondato i telegiornali e in generale la televisione negli ultimi mesi, ci sono state anche molte iniziative benefiche indirizzate non solo a chi è stato direttamente colpito dal virus, ma anche al personale sanitario e, in generale, a tutti coloro che durante il periodo di emergenza hanno affrontato grandi difficoltà. Nel nuovo video, The Jackal e ActionAid hanno voluto porre enfasi proprio su questo aspetto, presentando un dato particolarmente rilevante per l’organizzazione e per i relativi beneficiari.

PER LORO L'EMERGENZA COVID NON è FINITA

Per milioni di bambini nel mondo l’emergenza coronavirus è all’apice e la fase 2 è ancora un sogno lontano. In Afghanistan, nello Yemen o nel Sud Sudan, non ci sono “reparti COVID”, perché spesso mancano del tutto gli ospedali, distrutti dalla guerra.
Nei campi profughi che ospitano milioni di rifugiati siriani, prima ancora del gel alcolico per disinfettare le mani, è un’impresa garantire l’acqua per poterle lavare. Questo è il video diffuso sui social a giugno e racconta come UNICEF porta in questi Paesi ogni giorno tonnellate di aiuti umanitari per la lotta al Covid-19, proteggendo medici, infermieri, famiglie e soprattutto tantissimi bambini.

#IOMIDIVERTOACASA

AGENZIA: Web Star Channel

In un momento delicato soprattutto per i più giovani, costretti a non poter frequentare la scuola e gli amici a causa della pandemia, le star del web sono scese in campo e hanno lanciato la campagna #iomidivertoacasa. L’iniziativa nata dalla digital company italiana Web Stars Channel in partnership con Save The Children, ha coinvolto i più importanti content creator del web come ad esempio Favij, LaSabri, i Mates, Jack Nobile, Danny Lazzarin, Giulia Penna, La Coppia Che Scoppia (sono solo alcuni). La campagna è stata diffusa su tutti i principali social come TikTok, Instagram e YouTube e ha avuto uno scopo ben preciso: oltre a ripetere quanto sia fondamentale rimanere a casa, i talenti digitali di Web Stars Channel hanno suggerito ai loro milioni di giovani fan cosa fare in un momento così difficile: riscoprire la famiglia, il gioco e l’inventiva tramite una serie di video e post sulle principali piattaforme, tutti caratterizzati dall’hashtag #iomidivertoacasa.