La vocazione e i primi anni

Bernardino appartiene ad una famiglia nobiliare di origine senese, e il padre è governatore della città fortificata posta sulle colline della Maremma. Rimasto orfano, si trasferisce a Siena dove frequenta gli studi e viene agiatamente curato dalle zie. Riceve una profonda educazione cristiana, cresce sano, con un carattere schietto e deciso. Studia grammatica, retorica e lettura di Dante, dal 1396 al 1399 si applica allo studio della giurisprudenza nell’università di Siena, dove consegue il dottorato in filosofia e diritto.

La giovinezza di Bernardino è segnata dalla volontà di entrare nell’Ordine Francescano liberandosi di quanto possiede come novizio nel Convento di San Francesco a Siena. Nel 1403 compie la professione religiosa e viene ordinato sacerdote l’anno successivo. Nel 1405 viene nominato predicatore dal Vicario dell’Ordine.